Skip to main content

Full text of "Assedio de Venezia (1848-’49) : poemetto dialettale di Gigio da Muran / (prof. Luigi Vianello)"

See other formats


Assedio de Venezia {\m-'m 

Poemetto dialettale 

dì GÌ9ÌO da fflUran (Prot Culgì Olanello) 



Ciré 1- 



l 



Di prossima pubblicazione : 

1. Wolfango Goethe a Venezia — Studio critico. 

2. Rime veneziane (Aque e Palui — Farse e Come- 

die de la vita — Vilote). 

3. Nicoleta Goldoni — Poemetto in versi dialettali. 

4. El Ponte de dona Onesta e El Ponte de le 

Maravegie — leggende veneziane in versi dia- 
lettali. 

5. Odi e leggende, versi. 

6. El moro de Venezia, poemetto dialettale. 




$$eaio de Venezia mks- 




Poemetto dialettale 



dì GÌ9ÌO d3 lìiUran (Prof. Cuìaì Oianello) 



Venezia - Tip. Jcarabeliin - 1904 



PROPRIETÀ LETTERARIA 



AL SUO ILLUSTRE E VENERATO MAESTRO 

GIORGIO POLITEO 

IN SEGNO , 

DI RICONOSCENTE E DEVOTA AMICIZIA 

L' AUTORE 



I. 



Èlo un gianìco, fioi ?... Xele zornae ?... 
Un boro no se ciapa e in ostarla 
Sentai là, queti, al caldo se stana : 
Ma come andarghe co ste gran parae ?. 



Go i pie de marmo e le man ingelae. 
Per un fìantin de fogia, 'arde, farla - 
Ve lo digo de cuor — anca la spìa... 
Lassime dar, compare, do pipae. 



E, pipando, cussi ve contarò 

Quel che ò visto e sentìo nel quarantoto 

Quando che gera sgagio e zovenoto. 



Sbotego, adesso... curvo... vecio so... 
Ma, co penso a quei ani, corponon, 
El sangue el me dà drento un rebalton. 



IL 



Cascada la Republica, savè 
Che a Venezia i franzesi xe vìgnui : 
Da Napolon a l'Austria, sa vare, 
Barbaramente semo stai fedui. 



Ma imaginève vù se, in trentatrè 
Ani che qua xe sta quei... malnassui. 
No s'à sgionfà la nostra rabia e se 
Per sempre se pensavimo vendui. 



Mincioni! Proprio fati i ne credeva 
Come un balon de strazze da butarse 
Da uno a st' altro come ghe piaseva. 



E no i gaveva, invece, da intagiarse 
Che pensevimo, pur se se taseva. 
Note e dì sul da far per libararse ! 



§ 



III. 



Ah che tipi, fioi mìi, quei patatoni 
Che in Piazza e in strada spassizar vedevimo ! 
In tei passar, de sbianso li vardevimo 
Quei bruti musi rossi e quei schizzorii. 



I scorzi dei bagigi e dei limoni 
Dal balcon, co i passava, ghe tirevimo 
Da soto in suso alzarse nù spievimo 
In ponta, onti col seo, quei mustacioni. 



Rideimo, sì; ma, a volte, Faroganza 
Dei graduati, in strada o in tei cafè. 
La ne voltava le buele in panza. 



Ma pò se paciaravimo, savè, 

Dei Croati el parlar e l'ignoranza 

Come, fioi mìi, qua 'desso sentire. 



10 



IV. 



Pensevela ! In canal (furbo !) un croato 
Qualcossa el vede che ghe par un pesse... 
L' è bianco... el ghe fa vogia e ghe nesse 
De ciaparlo, e zò drento in t'un pignato. 

Spissa el se sente in te le man ; ma, fato 
Fogo, le forze soe tute el ga messe : 
E supia... e supia e più r ardor ghe eresse 
De tastar col piron... a sto stranato. 



— € Star qua... star qua pestiola stamatina 
Filr tausend sakerment, non esser più 
Pestiola tanto pella, tanto fina !' * — 

Pesca qua.... pesca là, per din-de-dina, 
Gnente ma gnente no gh' è vignuo su... 
Caspio, la gera 'na pota marina!!... 



11 



V. 



E sV altra ?... Piasse gavarìa le done 
Nostre, sti visi freschi o biondi o mori : 
Ste nostre tose snele e cocolone . 
Coi oci dolgi pieni de slusori. 



Gavarìa piasso ste nostre matrone, 
Che gei le drezze che le xe sprendori 
Ste nostre dogaresse bele e bone, 
Sti zensamini, ste gioncae... sti fiori. 



Ma ve so dir che, infin che i xe stai qua, 

Carne de dona veneziana mai 

Quei pampalughi no i ghe n' à gercà. 

Anzi co quel so far, col mincionèlo 
Che ga le nostre done, quei massai 
Le 5e toleva via, pian pian, bel belo. 



12 



VI. 



Sta qua ve basta : mia cugnada, un drago ! 
Lu, uh caperai boemo... un parpagnaco, 
Che Tocio el ghe voi far da pesse straco 
Co quel muso da nonzolo o da zago. 



Vignua la Pasqua, la fa suso un paco 
Che, pò, la liga col so mato spago. 
E la me dise: — distu?... ghe lo dago, 
Opur no ghe lo dago, a quel macaco ?... — 

~ Cossa ghe xe, mai, drento ?... — Un regaleto. 
Donca, ti ghe voi ben?... — Va là, bardassa., 
Ti vedarà che ridaremo !... — E speto. 



Un dì lo cato.... el ga la gamba fiapa... 
Ciò... quela mostra drento la fugassa 
No gavevela messo la gialapa?.... 



13 



VII. 



Dei dì, che spassi !... Un ufizial, vignuo 
Da poco, un can gaveva perso, e mi 
L' ò trova in cale; ma, simben passuo, 
Che sludrada da lovo a mezodì! 



L'italian noi capiva e mi : -— Si, si, 
Star patata e carogna paron tuo. 
Anca paron de to paron... e ti... 
Afer ti sgrugno più schizzon, ancuo! 



Lu, muci sempre! Ma se: — " Star ti can 

Più can dei altri „ — ghe diseva, lù 

Me respondeva in marameo: — bù! bù! — 



Infin che un zorno, no podendo più 
Sentirse dar del natasson - d' un - can, 
M' à morsegà, sto bogia, in italian ! 



14 



VIIL 



Un Manin gera sta Tultimo dose 

De la vecia Republica, pocheto 

I dise e un conio vero a quanto ò leto : 

E, savè, co gh' è i deti gh' è le nose. 



Prima che qua sia capita quel dreto 
De Napolon, ga circola le ose 
Che '1 gabia dito co le man m erose : 
— Semio sicuri nù^ stanote, in leto ? 



Ma compensarne pò Dio ga volesto, 
Co un tut' altro Manin, dopo cinquanta 
Ani — e a Venezia, fioi, V à manda questo. 

E un Avesani e un Tomaseo lù atoYno 
Ga messo e tuti repossà 'na s' cianta 
No i ga, per sta fità, note né zorno! 



15 



IX. 



Manin e Tomaseo de quele teste 

Che de più quadre no glie n' è, ghe ziogo 

Do gran cuori, dò aneme de fogo 

Che come lore no ghe n' è de oneste, 



Dei dolori de un popolo i se investe 
Che sofre e libararse el voi da un zogo 
Che ghe pesa sul colo; in ogni liogo, 
Senza tante camome e tante creste, 



Sempre coi scriti opur co la parola, 
Dei veneziani i scalda el malcontento 
E, fissi in sto pensier, no no i ghe mola. 



L' Austria lo tien per alto tradimento 
E, senza altre razon, la ga la tola 
De fermarli e de meterli pò drento. 



16 



X. 



Xe naturai, el popolo, a sta niova, 
El ruza come un gran leon in gabia : 
E r odio el xe come la bissabova 
Co par che tuto da sorbir la gabia. 



A impiantarghe un progesso la se prova 
L' Austria, ma fabricà V è su la sabia : 
Senza chi ne defenda se se trova, 
eresse in nù V odio, eresse in nù la rabia. 



E despeti?.... a bizefe ghe ne fevimo ; 
E segni sui capei, mi me recordo, 
E' cocarde sul peto se metevimo. 



Infìn. per farli sempre più cicar, 

Co ve pensè che un di, tuti d' acordo, 

Gavemo stralassà fin de fumar 1 



17 



XI. 



Imaginarse mi... mi, che fumava 
Un paco cussi grande al di de logia, 
Che tiramento oribile, che vogia 
De pipar, note e di, me tormentava! 



Imaginève, pò, se ghe tirava 
El naso a mia madona, a quela zogia 
Che gera stada sempre la mìa dogia 1. 
Epur, la ga volesto far la brava. 



Quando che '1 naso ghe tirava massa. 

La tabacava pevare o canela 

O làvreno brusà... ma salda, cassa! 



L' azion più bona che V à savuo far... 
Fogo ai sigari nàin, porca mastela!... 
A r Austria fogo ghe volemo dar ! 



18 



XII. 



Cocarde in casa ghe n'aveva tante 
Che de più sgagie no podeva darse; 
Che colori, fìoi mìi, da inamorarse 
Da far tremar da la testa a le piante ! 



Spìa pur ciamème... lasagnon.... birbante 
Se no ve digo el vero — ma voltarse 
Vedeva tuti e, fermi là, vardarse 
Fra lori e dir: — Quante cocarde, quante 



Rosso de anguria e bianco de gioncada 
In ciesa e in cale, sul balcon e in strada 
Le se vedeva a comparir... co bele ! 



E gera, ste cocarde," le putele 

Mìe, mìa muger de late e vin formada; 

El verde.... el gera in te le mìe scarsele I 



19 



Jvlil. 



E mìo nono, mio nono ?... Un solfarin 
De quei che, alora, ghe ne gera tanti. 
Scolte, fìoi mìi, sta qua : da diio do santi 
Cossa metelo, mai, sto pevarin ?... 



Co vien ami^i in casa, a pian pianin 
La tola el cava e pò '1 ghe disc: ~ Avanti 
De vardar, zò '1 capelo ! — E quei, davanti 
Tomaseo no se vèdeli e Manin ?... 



I xe co la tracola a tre colori... 

E a san Piero el ghe dise e a San Giovani, 

Indicando quei dò soto de lori : 



- Scusène tanto se quei dò, par ora, 
Xe i nostri santi ; fé' 'ndar via i patàni 
E i nostri santi tornare vù ancoi^a ! — 



20 



XIV. 



E rodio in cuor ne eresse. La pignata 
La bogie tanto che la va parsora : 
Al sangue ghe dà sii la fumarata 
E alora, fioi, cossa mai nasse, alora ?.... 



Una patulgia, imaginè, croata 
Vien per san Polo; ma, no Ve gnancora 
'Rivada a pie del ponte, che la cata 
Dei 9itadini e questi — corpo e fora! — • 



Frontarla i voi... ma co che arme ?... I buta 
L'ocio in t'una botega de ciopete 
De pan foresto e i la svaliza tuta. 

Pò, coi paneti tanto i li tempesta 
Che, pur armai de s' ciopi e bagionete. 
Colori i scampa via più che a la presta ! 



21 



XV. 



Ma, in sto fratempo, la rivoluzion 
S' ciopa a Parigi col più gran furor^ 
A viva forza da V imperator 
I otien, a Viena, la costituzion. 

Se sentimo, a ste niove, un rebalton 
Nù veneziani e, co V istesso ardor, 
Tuli coremo dal governator 
Pallfy...là, proprio soto '1 so balcon. 



Tuta la Piazza la rebomba, alora, 

De un zigo imenso e genaral.. de questo 

— Manin e Tomaseo volemo fora! — 



Tira e mola Pallfy, quel furbacion: 
Ma nù, per libarar quei dò più presto, 
Zò butemo i restei de la preson, 



22 



XVI. 



Sora le nostre spale li portemo , 
E che superbia e che sodisfazion! 
Fra '1 delirar de la popolazion 
Fin in Piazza portai nù li gavemo. 

Gh^ era anca mi ; lassa, quel dì, zò 1 remo 
IVr ò trova in mezo a quela confusion ; 
No crederne un buziero o un boridon 
Se, a quel zorno pensando, ancora tremo ! 

Ola, sentirne : neirissarli — aseo ! -- 

Sora la spala, m' à tocà sul naso, 

E minga a pian, un pie del Tomaseo. 

Ma mi credeu che gabia fato caso 

De sta peada che xe qua ?... Marmeo !... 

A quel pie santo go dà, invefe, un baso. 



23 



x:viL 



Quando che in Piazza Tè riva Manin, 
No se podeva trar un gran de megio ; 
Che se trovava, entusiastai, vissin 
Quei de Castelo e quei de Canaregio. 



Mutrie no gh' era più, più nissun pegio, 
Amigi tuti, ognun V è gitadin 
De la stessa ^ità... ma gh' è de megio : 
Che Manin parla in pie s' un tavolin. 



Quel che V k dito drento mi lo go. 

Lo go qua drento in testa e drento in cuor, 

Ma, credème, ripeterlo no so. 



So che un zigo noi xe, ma Tè un furor: 
Viva r Italia e più la libartà, 
Manin e Dio che ne lo ga manda ! — 



24 



XVIII. 



Cocarde in ziro e in t' un stendardo i cassa 
Su la nostra bandiera benedeta : 
Ma i croati i xe qua svelti, ostregheta, 
E' la bandiera i voi che zò se sbassa. 



Deboto !... E, intanto, nù se se la spassa 
^ A le so spale ; e lori a bagioneta 
Voi caregar la fola, che li speta 
Coi mazegni cavai via da la piassa. 



E nasse, alora, un tibidoi tremendo : 

Fusilae lori e tochi de mazegno 

Nù ghe butemo — che momento orendo ! 



Pò V odio, in Arsenal, 'riva a un tal segno 
— E gati in saco mi no ve ne vendo ! — 
Che '1 xe pronto a s' ciopar senza retegno ! 



25 



XIX. 



No la xe eterna la pazienza e xe 
L'ultimo goto quelo che imbriaga: 
E dai ! ti dai ! per diarabarne, savè. 
Che a sto mondo, a la fin, tuto se paga 



Le maestranze speta che lù vaga 

In Arsenal, e, come ve pensò, 

Ghe bogie el sangue e lù, simben che '1 stag^a 

Lontan da lore, un morto el par... Scolte : 



Perso afato Marinovich se vede.. 
Ma^ col s' incorze eh' i va drio de elo, 
In t'una tore de salvarse el crede... 



E eresse i urli e sempre più '1 bordèlo... 
St' altri lo zonze. . lu ghe casca in rede... 
E i lo impira in t'un speo come un oselo. 



26 



XX. 



L' è stada questa la più gran faliva 
Che un fogo genaral la ga impizzà : 
El colpo che quel brusco, che imargiva 
De scondon, a la fin fora à sbregà. 



Via per cale e campici, vìa per la Riva 
Xe a r Arsenal el popolo arivà : 
Sia, dapartuto, V oregan vegniva 
De la revolta... uà fortunal de istà. 



Manin de V Arsenal se impadronisse 
E, subito, el sequestra arme e canoni 
E '1 Comandante el lo destituisse. 



E s' à fato, in quel dì, miga un' inezia 
Capitolada l'Austria, quei bogioni 
Li gavemo cassai vìa da Venezia! 



27 



XXL 



Che respirada no s' a dà, fioi mìi ! 
Più lizieri in te V anema e più sgagi 
Nù se gaverao, note e dì, sentii 
Co lori i à tolto suso arme e bagagi. 



Gaveu mai visto dei fiori patii 
Farse più driti e a^sae più vivi ai ragi 
Del sol?... E cussi nù, co xe partii 
Quei margnifoni via da sti paragi. 



I n' aveva lassa, vero, mal messi ; 

Ma, co un Governo nostro e manco tasse, 

Gerimo nù paroni de nù stessi ; 

Simben che st' altri quel bocon amaro 

D' esser stai cassai via pensando i andasse 

De farnelo pagar caro, assae caro ! 



28 



XXIL 



Qualche volta s' à visto un aquiloto 
Zirar in alto ociando un galinasso 
Belo e tanfato che ghe svola soto 
Come r andasse per el gielo a spasso. 



E lù restrenze el ziro, quel furbasso, 
A pian pianin e sora el gh' è deboto ; 
Finché, co un svolo picolo e più basso, 
Dosso el ghe piomba e st' altro el resta coto. 

E cussi r Austria. Ne le so fortezze 
La se xe, vero, refugiada : ma... 
Per calarse pò zò quando che sia. 



Come un folpo nel Veneto le drezze 
La buta per pò strenzerle vìa vìa, 
Per tera e mar, atorno a sta gita. 



29 



XXIII. 



Za gerimo in t' un sercio maledeto,' 

Ma col cuor sempre che '1 gercava un sbroco : 

De teraferma no restava un toco 

Che de todeschi el fusse proprio neto. 



Farse sempre sto gircolo più streto 
Sentivimo e più orendo a poco a poco: 
Pieni de angustie e minagiai dal bloco, 
No ne gera resta altro che '1 leio. 



'Na vogia imensa de menar le man, 
Col sangue che de drento ne bogiva, 
La ne spenzeva contra del patan. 



La smania drento in cuor se se sentiva 

De dirghe a Haynau, sporco de sangue uman 

— Ti ga a che far co de la zente viva ! — 



30 



XXIV. 



Combinada assae ben la gera stada : 
I Cazzadori del Sii a Fusina 
Sbarcai sarave e po' de quela strada 
Andai verso la Rana, là, vissina. 



Morandi a la stazion, sempre ocupada 
Dai tedeschi anca quela ; a la sordina, 
De Zambecari la coIona andada 
Sarave a Mestre... Prima de matina 



Gugielmo Pepe el va, qiieto, a Malghera 
Pensando : — ■ Vói che ghe ne demo un fraco 
Che i se la moca proprio de cariera ! — 



E, sempre infervora come che '1 gera 
Nel pensier de Venezia, benché straco, 
Un momentin noi ga sera palpièra. 



31 



XXV. 



Caligo fìsso fisso a la matina, 
E Pepe dal canon Paviso el speta 
Che i nostri i staga per tacar Fusina... 
Gnente!. . 'na fumarèa stramaledeta. 



Cuor grando, el comandante, e testa fina 
Ghe dà Tordene ai nostri che i se meta 
In strada e lori, muci, i sMncamina 
A fortesin co s' ciopo e bagioneta. 



Adosso ai avamposti del nemigo 
I piomba a l'improviso... sconcertai 
Quei là dà indrìo framezo del caligo. 



Ma i nostri i ghe dà contra indiavolai... 
St' altri, in gran confusion, xe tuti un zigo 
Per dar V alarme, subito, ai soldai. 



32 



XXVL 



Per primo Zambecari, bravo assae, 
Co la coIona soa Vanti el se cassa : 
Cussi '1 ciapa le prime bariciie 
De Mestre e tuti i artilgieri el massa. 



'Vanti ! Le trupe s' ciàusse, a quela massa 
Inviparia, recula spaventae... 
Eco, le Barche xe nostre... e '1 sconquassa 
Morandi, Infuria, le palizzae 



De la stazion ; ma, alora, a più no posso 
'Na scarega — i todeschi — de metragia 
Che scaraventa ai soldai nostri adosso. 



Ma Noaro co Uloa vien e i sbaragia 
Pronti i croati e po\ tuto in t' un scosso, 
Su Mestre i fa piegar quela marmagia. 



33 



XX VII. 



Quando che Uloa, Morandi e Zambecari 

Insieme co Noarò i 'riva al Ponte 

De la Campana, no credè che rari 

I s' ciàussi, in piazza, i sìa ; ghe ne xe un monte, 



E le xe boche de canoni ohe, cari, 
Che a saludarli subito xe pronte 1 
Scomingia, alora, e po' continua i sbari 
Ciapando i nostri, vignui là, de fronte. 

No i se scompone i nostri : avanti ! avanti 
Col gas in corpo.... cossa importa mai 
Se la metragia ghe ne copa tanti ? 

Pò a r arma bianca dai ! ti dai ! Xe alora 
Che st' altri a gambe i se la dà, conzai 
Per ben, verso Treviso... e i core ancora ! 



XXVIIL 



Ma in palazzo de Talia e de Bianchini 
Dei tedeschi se sera in quel momento 
Per bater duro, squasi un 9ÌnqueQento 
E svelti tuti quanti e fureghini. 

Ma i nostri i voi ciapar quei moscardini : 
S'ingagia, alora, un gran combatimento 
Fra quei de fora e quei che xe de drento, 
'Giutai nù da quei bravi de Mestrini. 



Tira quei, tira i nostri... fusilae. 
Per drito e per traverso, dai balconi 
E da la strada... Contra dei portoni 



Ghe ponta i nostri, dopo un fià, i canoni 
Tolti a st^ altri... e le porte alfin ^terae, 
Le nostre trupe subito xe intrae. 



35 



-X.A.Ì-X.. 



Sirtori e Rossarol, dei veri eroi, 
Cosenz e Cataben, dei prodi veri, 
Ghe dise a quei : — Gavete a far con noi ! 
E i li fa tuli quanti presonieri. 



Se stai quel'dì fussi a Venezia, fioi, 
(E tuto questo me par nato geri !) 
, Che i ga porta canoni e... cossa sòi ?, 
Cari e bagagi tolti a quei braghieri ! 



A festa le campane le sonava 

E '1 son de le campane el se missiava 

Coi zighi de : — Viva Samarco !.... viva !. 



Tuti in Piazzeta, in Piazza o su la Riva 
Tuti quanti, co F anema giuliva, 
Come fora de nù, se se basava ! 



36 



XXX. 



A Malghèra da novo, eco, tornemo 
Pronti a la resistenza più 'canita : 
Se la nostra Venezia defendemo, 
Cossa ne importa a nù, mai, de la vita ? 

E tuto ne xe contrai.... La scorffita 
Savemo de Novara; se vardemo, 
'Na roba sola no ne va de drita, 
Da le potenze sbandonai nù semo... 

Ma forti sempre! El pensa a la difesa 
Manin, ma ai dò dVVpril — che carognada ! 
Haynau, quel bogia, el n' intima la resa. 



Manin rancura in bota V Assemblea... 
Ah, che zornada quela ! ah, che zornada, 
Vissare mìe, no ghe n' ave un' idea ! 



37 



XXXI. 



Tuta un silenzio T Assemblea! .. Svolar 
Se sentirave una mosca soltanto : 
Quando, co vose che la sconcie el pianto, 
Manin scomingia, palido, a parlar : 



—- Soli... co mal, co fame, che da tanto 
Ne crugia, cossa mai resta da far?... 
Resister ?... — SI ! — Voleu delibarar ?... — 
Sì! — A 'gni costo resister?... — E, d'incanto, 



Come uno solo tuti in pie, dal posto 
Che i se trovava prima, i gà zigà : 
-~ Si, volemo resister a ogni costo ! 



E, da la Piazza, el popolo ingrumà 
Come 'na vose sola el ga risposto : 
— Sì, sì Venezia la resistarà ! — 



38 



yOCX^il. 



Sora la tore de Samarco, al vento, 
Scadala come '1 sangue, una bandiera 
Subito à sventola... che ardor de drento 
Co rèmo vista sbampolar liziera! 



E la ga vista in ogni bastimento 

1 Croati dal mar; là, da Malghèra 

E da Mestre, i i'à vista... in quel momento 

L'à vista sventolar tuta la tera. 



La ghe diseva a tuti : — In fin che in alto 
A torme via de qua no vignare, 
Venezia batarà salda a ogni assalto. 



I^a ghe diseva a gerti : — Soli semo, 
Ma infin l'ultimo fià, F ultimo schè, 
Per insegnarlo a vù, resistaremo ! 



39 



XXXIII. 



X 



E la vose lontana a-ssae V é andada 
Tra r isole internandose e i palui : 
Fra quei poarini la s' à fato strada, 
Là, in mezo ai gliebi, placidi cressui. 



La sente i buranei ehe, mezi nui, 
Buta le rede per la so pescada : 
Quei de Tortelo, sempre là vissui^ -- 
D' amor de patria i ga sentìo sta ondada 



E Cavalin e Brondolo là sente, 
Cioza e Marina; e^ la bandiera rossa 
Vardando sventolar alegramente^ 



Tute, a sta vose, le responde : — « Sì, 
Del nostro sangue insin Tultima giossa, 
divina 9ità, demo per ti !» — 



40 



XXXIV. 



Che bei tempi quei là, fioi^ eh' entusiasmo 
Che ardor, che fogo drento de le vene, 
Sìa pur vivendo in t'un continuo orgasmo 
E streti sempre più da le caene ! 



Vero: le nostre panze, in quel marasmo, 
Le gera a zorni vode e a zorni piene, 
E tute le Vignole e Sant' Erasmo 
No i bastava a calmar le nostre pene 



Quanto al magnar... Gerimo - vero - in gabia 
Fra baie e morti... come i à buo da scriver. 
No se sa come che vissuo se gabia. 



Ma megio assae quei tempi, ormai sparii. 
Che un scopo se gaveva, anzi che viver 
Come che fé vualtri insemenìi ! 



41 



XXXV. 



Ah, vissare, che giubilo e che vista 
Che mi godeste no go mai l'ugual, 
Quando Manin, seguìo dal genaral 
Pepe^ co' in viso un' aria né ben trista 



Né ben alegra, el ga passa in rivista 

I soldai de la Guardia Nazional, 

Peti de bronzo, gareti de azzai 

Che andai sarìa del mondo a la conquista ! 

Sventola le bandiere sui penoni 
E se sente 'rivar^ de trato in trato^ 
Da lontan, el rebombo dei canoni.' 



- Viva San Marco ! - el ziga - Iddio lo vuole ! 
E un colpo de canon^ ma tanto fato, 
Ga messo el punto fermo a ste parole. 



42 



XXXVI. 



y 



Le popolane e le patrizie insieme, 

Le mule co le sede e i stivaleti: 

Ste qua a Manin ghe porta e perle e geme 

Brilanti, solitari e brazzaleti. 



St' altre el manin ghe porta o i pontapeti 
E, s' altro no le ga^ — tanto ghe preme 
De 'giutar la so patria ai povareti — 
La vera le ghe dà... Drento le freme 



Per sta gita che sofre a tute Tore, 
Tuto quanto per colpa d'un straniero 
Che lore stesse no le voi tra lore. 



Manini e anei, no, più no i serve a un zero 
Perchè, sia per le povare e le siore, 
Se ga co r oro da crompar el fero. 



43 



XXXVIL 



'Rivemo al Magio : la stagion dei fiori, 
Co le lodole canta e dapartuto 
Gh' è 'na legrìa che slarga aneme e cuori, 
Quando rinasse tuto quanto, tuto. 



Ma per nù, alora, scomingiava un luto 
Più grando e più taribili i dolori : 
Un oror el presente e assae più bruto 
L' avignir, pien de strussie e crepacuori. 



Qento e finquanta boche maledete 
Le gomitava fogo su Malghèra 
Sfracassando i bastioni e le lunete. 



Radeschi el stava a contemplar, da V alto 
De la tore de Mestre, insin la sera 
La morte a fulminar, là, da Campalto. 



44 



XXXVIII. 



La morte, sì ; ma i nostri i xe leoni, 
I xe fati de azzal^ i xe pantere : 
Intrepidi tra '1 fumo dei canoni. 
In mezo al sventolar de le bandiere. 



Dei gregi i conta e dei romani, boni, 
No ghe xe da che dir, in te le guere : 
Ma i veneziani e st'altri che campioni. 
Cuori più grandi e aneme più fiere! 

Bandiera e Moro e Veneti e Furlani 
E le trupe del Sii e le Lombarde, 
1 Piemontesi coi Napolitani^ 

Che zoventù ! che sangue ! che delirio ! 

Col peto pien de fogo e de cocarde. 

Per Venezia i va incontro anca al martirio ! 



45 



XXXIX. 



Sì, se vantemo; ma no P è la boria 
De romo ineto e de l'ignoranton : 
Sta qua, caplaie, questa qua xe storia 
Che comove anca i sassi, ostregonon! 



Storia de quele che ghe dà la gloria 
No a 'na gita, ma a tuta 'na nazion. 
Vargogna marza, invece, la vitoria 
Per chi voi s' clave le popolazioni 



Un' aquila le sgrinfe ne cassava 
Fin drento de le carne e, per de più, 
Co dò bechi impontìi la ne becava. 



Ma per gnente dò teste la gaveva : 

Una gaveimo da cavarla nù, 

St' altra, cavarla V Ongarìa doveva ! 



46 



A.L , 



Radeschi, impressiona dal gran valor 
Dei veneziani, invelenà un proclama 
El ghe manda al governo, che lù ciama 
Un governo ribele e usurpator. 

~ Mi vogio - el scrive - e questa xe la brama 
E U dirito del nostro imperator. 
Che ve 'rendè; cussi, fin al dolor 
Gavarà la ?ità, povara grama ! — 



Gesuita!... Manin, lù, per le rime 

El ghe responde: ~- No, resistaremo 

Fin ai estremi ! — Fioi, cussi U se esprime. 



SV altro el va -su le furie inviparìo.... 

Tuta la note, po\ sentio gavemo 

Che da la rabia un fià noi ga dormio ! 



47 



xCLi. 



Fusselo andai... Vero, xe T Onerarla 
Co nù^ co nù Kossuth, queFomenon 
Che odiava, gnanca a dir, la tirania 
E i mustaci col seo del pataton. 



Cossa fa mai quel galanton:ienon ?... 
El ghe scrive a Manin dessotovìa: 
— Se uniti sé co sta popolazion, 
Nù ve 'giutemo per cassarli vìa — 



E '1 ghe disc po' ancora: — I soldai nostri, 
Sparpagnai per T Italia, concentrai 
Sarà tuti a Venezia e i sarà vostri. 



E arme e legni ve sarà mandai 

Per poder presto sterminar quei mostri, 

Che anca nù ne vorìa, qua, strangolai. 



48 



XLIl. 



Passa tragheto un Ongarese e lù, 
Ridendome, el me fa: — Star tua Iratella 
Tuta Ungaresa e per Venezia bella 
Dar nostra sangua tuti quanta nù ! — 



Ghe digo che va ben. Ma lù: — Budella 
Dare in mano a Croata o a chi per lù 
Se coi patan venire a tu per tu !... — 
Mi ghe respondo che va ben.. — • La stella 

— Lu continua — d' Italia star stellona 
Che nessuno stuar, troppa brillante.... 
Star più bella de tutta le nazìona ; 



E chi la tocca star molta birbante... — 

Pò, in tei smontar, — no, che sarò 'na mona ! 

Un ongaro el me dà novo fiamante, 



49 



XLIII. 



Sì, tuto vero questo; ma parò 

Sta povara gità^ cossa credeu ì, 

La gera a un ponto tal — tremo^ vedeu ! 

Da far pietà, da far^ no ghe xe no ! 



Dusento mile gerimo^ saveu, 
Da viver ; gli' era in ospeal no so 
Quanti malai^ né gh'era un can de un bò 
A pagarlo un milioni.. Ve imagineu 



El patir de sto popolo in quei stati 
E squasi senza munizion de guera ?... 
Sarìa sta robe da deventar mati! 



Epur nù, saldi!... Anzi, sentì sto truco : 
Vedendo che noi poi ciapar Malghèra, 
Cossa mai falò Haynau, quel mamaluco ?... 



50 



XLIV. 



Haynau, vedendo quel palùo scoverto 
Tuto 'torno Venezia e Taqua bassa, 
Stando a Campalto a comandar, un ferto 
Pensier drento la mente se ghe cassa. 



E U ghe dise ai so omini: — « Star ferto 
Fostro 9ervelo a mìo parlar !... Mi passa 
Sora quel fanco che star lì teserto 
E ti Fenezia tuta far manpassa ! » — 



Primo e superbo in sela, eco, el se avanza... 
Ma '1 cavalo in tei tenaro el s'impianta. 
Fati 9inque o sìe passi, insin la panza. 



St' altri, cheadrìo ghe gera andai 'na s' cianta 
Co i lo ga visto impetolà 'bastanza^ 
Sen-^a dir trù né ari i te lo pianta. 



51 



XLV. 



E, alora, bombe a gentenera e a miera 
Granate e razi e obigi infogai, 
Centra del nostro forte sgiaventai 
Come la fusse una tempesta vera. 



Uloa, Cosenz, in mezo ai so soldai, 
E Mezacapo, da matina a sera, 
Co Rossarol e Barbaran, Malgbèra 
Calmi i dirige senza dormir mai. 



I canoni smontai, le casemate 
Sfondae, la strage tuto 'torno, epur 
Co r istesso valor lori i combate. 



L'un dopo r altro i xe colpldi a morte, 
Ma gnente afato no li poi indur 
Pe darse vinti q de lassar ^1 forte, 



52 



XLVL 



E tanto xe, fioi mìi, V esaltamento 
De quei nostri fradei, de quei soldai, 
Che ghe n' è, in mezo a quel combatimento, 
Su le traverse o s' un bastion sentai ; 



che sta driti in pie co un ardimento 
Tal^ che a sto mondo no s' à visto mai 
Come che i fusse a un gran divertimento, 
No coi Croati in fazza ; indemoniai, 

1 ghe fasseva i corni, i ghe slanzava 
Maledizion le più 'nvarigolae 

E, tra i sbarlefi, i pugni i ghe mostrava. 

E i ghe diseva: ~ « Sì^ ferflucht star foi 
E tarfi presto tante e tai ranciae 
Che foi fetere, alfin^ chi esser noi ! ~ 



*^\J 



XLVII, 



E fogo sempre! Ai vintisìe de Magio 
Malghèra e San Zulian i xe batui^ 
Ben più de prima assae, da quei fotui 
Che ai so pie za ne voi arme e bagagio : 



Che a tuti i costi, come i fa coi sui, 
Meterne i voi, quei maledeti, el bagio 
Più grando in boca... No ghe xe più un ragio 
De speranza per nù stanchi e abatui ! 



Xe tuti quanti una rovina i forti, 
I parapeti andai tuti in frantumi 
E xe per tera a gentenera i morti. 



Missiae, là, in mezo ai rovinassi, a grumi 

Le carne gh' è dei zoveni più forti : 

Tra buse e bombe core el sangue a fiumi ! 



54 



XLVIII. 



Povare carne mastrussae, ridote 
Un vero sancassan, una pastela; 
Brazzi schizzai, scavezzi e gambe rote. 
Teste troncae da 'na figura snela: 



E sarvèi sgiaventai, là, da le bote 
De le granate ; aneme, morte in quela 
Che le sognava, fusse zorno o note. 

Una povara mare o 'na putela ! 

» 

Manin, co '1 vede eh' oramai Tè andada 
Ma che Tonor xe in salvo, ordene a Uloa 
Ghe dà che sìa Malghèra abandonada. 



Miracoli i ga fato de valor, 

I à mostra tuti la bravura soa... 

Ma ga piasso cussi, cari, al Signor ! 



d5 



XLIX. 



Uloa^ là in mezo ai so soldai, lezendo 
El decreto el ghe va : lo scolta tuti 
Lori in t'un gran silenzio, no credendo 
A le so recie ma coi oci suti. 



Pò fra de lori i s' à vardà, tasendo, 
Palidi come morti ; e, risoluti 
De resister fin Tultimo^ tremendo 
I à scomin^ià da novo el fogo, muti. 

Ma co la sera 1' è vignua zò scura. 
Come i se destacasse spasemando 
Proprio per sempre da 'na so cratura, 

Pianzendo, i pezzi i ga basa del forte 
E ne la note i xe partii, pensando 
Che sana stada megio assae la morte! 



f5 



.t^ 



T 



No ne resta che U ponte da defender^ 
Proprio el bastion estremo d' una Iota 
Che, adesso, creder no podè ne intender. 
Se stabilimo sul piazzai e in bota 

Armèmo san Secondo ; a la più rota. 
Più dura a V Austria ghe volemo render, 
Fioi, la vitoria e fin l'ultima bota 
A caro prezzo ghe volemo vender. 

La linea de difesa la comanda 
Uloa; Cosenz l'è sul piazzai; Caran 
A San Secondo; co'na rabia granda, 



Da la testa del ponte i ne bombarda 
I s' ciàussi ; e da Campalto e san Zulian 
Se fa la Iota sempre più gagiarda. 



57 



LI. 



Pronto, al piazzai de Sant'Antonio un forte 
Ghe va disendo — • quel de San Secondo: 
- Dai, che te'giuto ! - E San Zulian,piùinfondo, 
A ste dò boche el ghe responde a forte. 



Barufa de tre Santi; in fd^ndo in fondo; 
Ma de chi la razon ?.. Vardè che sorte! 
Dò xe co nù... st'altro el ne ofende a morte 
Co parole de fogo, porco mondo! 

La polvare dei s'ciopi e dei canoni 
San Zulian, coi scravassi opur coi venti, 
Desperder ghe doveva ai patàtoni. 

Noi lo fa minga; e, donca, san Zulian 

— Che 1 me scusa ! — el ga torto... in quei moment 

El xe un santo todesco e no 'talgian!! 



jL<fxi • 



Epur>, in mezo a tanta confusion, 
Ga tuto el nostro popolo impara. 
Fra tanti e tanti colpi de canon^ 
A capir qualo xe '1 canon che tra. 



Va el popolo disendo contenton : 
— L' ose de Sant' Antonio xe sta qua ! 
Trai, 'nanzolada, trai ! che, corponon, 
Venezia sempre te benedirà! 



Che recie fine, fioi ! Ma se taseva 
Lontan la vose conossuda, alora 
Tuti drento de nù se se rodeva. 



Ma quel bum! bum! co lo sentìimo anconi, 
Tornevimo più sgagi — bogia Eva ! — 
E imorbinai, simben tanto in malora! 



59 



X-^XxXt 



Ma s'ciopa un dì le munizion ; al scosso 
Forte^ Andreasi V è resta ferìo : 
E Rossarol, pur co la freve indosso^ 
Intrepido el lo ga sostituìo. 



I nostri V incoragia a più no posso, 
El se fa in diese e '1 sbara al biondo dìo : 
Ma da 'na bala^ in quela che '1 s'à mosso 
Verso del parapeto^ el vien colpìo. 



E '1 casca zoso mezo morto... Ai nostri 

Che core, per 'giutarlo, d' ogni banda 

El ziga : - Ai pezzi ! zò dèghe a quei mostri 

L' ultima so parola la xe stada : 

— Amèr Italia! — e quel' anema granda, 

In sto dol9e pensier, la xe spirada, 



,60 



LIV. 



Colussi, capitan de artegiarìa^ 
Co tuto r odio del so sangue slavo 
Conerà de l'Austria, che tigniva sgelavo 
El so paese^ vignuo qua da vìa 



Sentindoin cuor per nù 'n' idolatria^ 
Co Rossarol V é casca zò (me cavo 
El capelo a st'eroe!) Colussi, el bravo 
Boemo^ el monta su la batarìa. 



Le ghe fis' eia le baie su la testa 

O le ghe casca ai pi ; ma lù, ih, duro 

Al canon come '1 fusse in t' una festa. 



'Na bomba lo colpisse; anca copà. 
Per el so amor de patria^ ve lo zuro^ 
L'Austri^ da l'odio T avarìa pica. 



61 



LV. 



Imagineve^ donoa, quanta bile 
Nel vederne cussi s' ciavi e angariai ! 
Vardè, col remo, a diese... a gento^... amile 
Per volta i s'ciàussi l'avarìa copai. 



Polenta poca co marsioni e schile^ 
Pan negro e co' la mufa o buz7.olai 
Duri e renghe conzae co poche stile 
De ogio granzio^ fetido... e vin^ mai ! 

Un zorno i disc : — Garibaldi el sta 
Per vignirne a socorer... ~ E spetemo 
— De securo sto Eroe ne 'giutarà! — 



Garibaldi noi vien, ma ben vedemo 

El còlara vignir e qua in ^ità 

'Rivar le baie.,, ancora pianzo e tremo,.. 



62 



LVI. 



Sì, me xe morte^ alora, quele sante 
De mìa muger e de mìe fìe... 'na fiola 
Me xe restada... E note e dì Pò piante 
E '1 pianto ancora el me sMngropa in gola. 



E le me xe mancae tute^ distante 
Una da Faltra... el còlara !... Una sola 
Morir no ghe n' ò visto... una, de tante. 
No r à podesto dirme una parola ! 



Mi, se fusse sta Dio, tuti i tormenti, 
Che co st' altre miserie el n' à manda 
E che muger e fioi vìa n' à porta. 

Mandai ghe T avarave a colù là 

Che stava a Viena e a tuti i so parenti 

Più prossimi, presenti e di3sendenti! 



63 



LVII. 



Le naranze da Viena, eco, le baie 
— Tacando fogo — sìa de zorno o note: 
Ma co lore a le bocie i zioga a frote 
I putei per i campi e per le cale. 

Zi ! Zi ! le fa passando e - s' ciac ! - ste bòte 
Sora le case; ma da drìo le spale . 
Butemo, senza dir: — Dove mai vale, 
'Desso, a cascar?...—, quele... patate cote. 



Ma un dì 'na bomba, in t'un de quei viagi 

Da runa a V altra riva, zò se cala 

E, vissin al tragheto o in quei paragi, , 



Senza tocarme el peto né la spala, 
No me xela passada soto i scagi ?... 
Ride vualtri... ma no V è 'na baia!... 



64 



LVIII 



Da Canaregio e Santa Lufia andai 
A la Zueca i xe fra mile stenti : 
A Castelo i se xe ricofarai 
In te le ciese e fin nei bastimenti. 



Drente i Giardini^ esposti a F aqua e ai venti^ 
Per strada o in barca a gento i V k portai 
Vecie e vecieti povari, cadenti 
Bambini apena nati e màlatai. 

In palazzo ducal ga dormìo tanti 
De quei, che, drento i povari tuguri, 
Viveva in mezo al pocio e in mezo ai pianti 



E quei guerieri li vardava e i santi 

Depenti su le tele in tuti i muri, 

Disendo : — Abiè pazienza... avanti ! avanti I 



65 



Llxv. 



El gran in casa se lo mazenevìmo 
Nù coi mazegni tolti da la strada : 
Mi, mìa fìa, mìa madona e mìa cugnada, 
Dandose el cambio, tuto el dì menevimo. 



E dai! ti dai! ma, squasi a 'gni menada, 
I dèi fra le do piere se ciapevimo : 
E che benedizion no ghe sgnachevimo 
A quel bogia de Checo a 'gni strucada ! 



Le done, per resisterghe ai patani, 
Le fasseva parfin le molinère : 
Nù fato gavaressimo i rufiani... 



Per veder, dopo gnanca sessanf ani, 
In gerte cale, su ste sante piere 
Ziogar le fesse e comodarse i cani ! !. 



66 



LX. 



Morir... rinasser se sentìimo nù, 
Da mal e fame e guera tempestai : 
Simben che^ adesso^ no podeimo più 
Ma gerimo el dì dopo ingaluzzai. 



Veci, col fogo de la zoventù 

E femene e putei cussi impizzai, 

Che sbusà gavaressimo colù 

Che avesse dito : - lasse andar che ormai !... 



Un corno che ve pica * ormai ! » Volevimo 

Mostrarse a tuti fioi dei Bragadini 

Dei Zeni e dei Venieri -- e se pianzevimo 



Qualche volta^ sentì, per i bambini 

E per i veci e i deboli lo fevimo 

Che ghe mancava tuto a quei meschini ! 



67 



LXI. 



E le canzon ?. . Ah, le canzon de alora 
Le gaveva V eletrico de drente 
Che ne meteva in corpo un gas, che ancora 
Per el sangue e nel cuor mi me lo sento. 



Ah, quela là che grissoli : Va fora 
D'Italia. . — e st' altra de Radeschi e gento 
Altre de bele.... e quele : — È giunta r ora... 
Col verde, il bianco e il rosso... ah, che farmento! 



E Co la pele dei Croati e st^ altri 
Ini... quel là de Dio lo voi... La scota 
Ancora questa : Fuoco sopra Juoco,.. 



Vede.... quel tempo V è passa da un toco, 
Ma mi.... no so'... Cossa canteu vualtri ?... 
Apena la canzon de la Gigiota ! !.. 



m 



LXII. 



La prima baia ?... L' à ciapà 'na strada 
De quele veramente originai. 
Sta curiósona ai pi no V è cascada 
Del leto de do sposi indormenzai ?... 



Lori i salta in senton su, spaventai ; 
E la sposina, a so mario tacada. 
La pianze e ziga: — Coss' è nato mai?. 
Gastu anca ti sentìo sta sfracassada ?... 



E tanto eia quanto so marìo 

Vien zoso e i varda... fumo e un buso !.. E O: mai, 

Capida la razon de quel fifìo, 

Ve so dir mi che in leto i xe tornai 
E fin squasi matina i à benedìo 
Quel gran fracasso che li ga svegiai! 



69 



LXIII. 



Bisognarla che gavessi assistìo, 

De note, a quel spetacolo — imponente ! 

Coreva ixi fola a vederli la zente 

E bombe e razi sfogonai, parbìo ! 



No minga che gavessimo fiflo 
De quele quatro baie, proprio gnente... 
Pur quel bum ! da lontan cupo e insistente 
Se lo gavessi quel bum ! bum ! sentlo ! 



Nù, in fondo, poche munizion gavevimo 
Donca, a la Comission de vigilanza 
Le baie rancurae nù ghe portevimo. 



E una lira per pezzo se bechevimo ; 
Pò, coi nostri canoni, - oh ghe ne 'vanza! 
De ritorno infogae ghe le mandevimo. 



70 



LXIV. 



Sul ponte dei Fuseri una vecieta 
A domandar la carità F andava 
Da tanti e tanti ani... una gobeta: 
Ma bombe e baie no la spaventava. 



Co 'na baia, passando, la fis' ciava 
Su la so testa: -- « Fis' eia, maledeta, 
^ Che gnanca Bepo da de qua nie cava, 
« Gnanca se '1 vien co s' ciopo ebagioleta! » 



Un dì, che- poco su V aveva iato, 

Che casca ai pi 'na baia... una ridata 

La dà senza scomporse e - Oh, varda qua 



La dise — « che Radeschi, ancuo, me fa 
« La carità, parbìo !... Grazie, patata !. . » 
E la porta la baia al Comitato. 



71 



LXV. 



Una Canaregiota, vìa scampada 
Da la so balivcrna — che 'na baia 
Gaveva, a la matina, sfracassada ~ 
( La dormiva, pensè, soto una scala ! ) 

La ga un putin per man, un altro in spala, 
^inqu'ani quelo e sto qua dò... sbregada 
Tuta l'è indosso... seca in viso e zala... 
Ma 'na patrizia che camina in strada. 

El primo el pianze che '1 voi pan e a elo 
— No fifar, no, se ti ga fame... lassa — 
La ghe dise — che pianza to fradelo. 



Lu, sastu caro, pi^inin V è massa 
Parche U possa capir coi so sarvelo 
La razon che patimo. — E via la passa. 



72 



LXVI. 



ETche onestà !... L' è proprio da contar : 
Ghe gera a San Girolimo tre siore^ 
Quando una sera le sente a cascar 
Una bomba in sofita... e xe nov' ore ! 



Dio, che spavento oribile! Le core, 
Bianche come tre morte, per trovar 
Qualcossa da portarse vìa co lore... 
Del formagio, del pan e pò scampar. 



A Castelo tre dì le xe restae. 

Al Bon Pastor, poarine — e, pò, 'dasieto, 

Da novo in casa soa le xe tornae. 



La porta la xe 'verta... le va drento.... 

— Semo tradìe !... — Tuto a so posto e queto, 

Fin le guantiere e le possae d'arzento ! 



73 



LXVII. 



Gera co nù dei preti anca e dei frati 
Perchè co nù gera '1 Signor: Cavassi, 
Saveu^ che ardor?... che aneme Ugo Bassi, 
Mazucheto e Tornici ?... Rossi, scadati^ 



L'amor de patria i predicava, mati 
In sto pensier da mover anca i sassi, 
Tolendose, pò, vìa quei natassassi 
Che ne assediava per ridurne a pati. 



Anzi Tornici, sintindo là a San Ciobe 
Che i mandava « a remengo > i patatoni, 
El ghe ga dito : — No^ fìoi mìi, ste robe !.. 



No a remengo, sino quei se rebeca 
A dei altri rompendoghe i mincioni: 
Mandèli in fumo... e più nissun no i seca! 



n 



LXVIII. 



Vardè, mò, se U Signor co nù noi gera, 
Anca la luna... el sol... le stele... el gielo : 
Par nù, come i più grandi de sta tera, 
El ga 'na simpatia forte anca elo* 



Col cuor che ne mor drento o U se despem, 
Rivemo al Lugio — caldo sì, ma belo. 
E che stelai !.. Quand' ecote, una sera, 
'Torno la luna gh' è come un anelo: 



Un anelo in tre circoli spartio : 

Un bianco, un rosso e un verde... I varda e i zig:\ 

Tuti e i bate le man, corpo de bìo ! 



E sta bandiera la smirava el mondo 
Intrègo... é i s' ciàussi no i podeva miga 
Tirarla zò né romperla, 'orcomondo ! !... 



/o 



LXIX 



No posso^ qua, desmentegar mìa nona, 
La marna de mìo pare.... Ah quela, ah quela 
La gera tanto dolge e tanto bona : 
Una vecieta picola ma bela. 



Asti né odi no ghe gera in eia : 
Né credè che la fusse una minciona 
Una vera avocata ute bardela. 
Quanto a la patria, pò, venezianona. 



Mare la gera ; e, nel pensar che tante 
Done todesche le se desparava. 
Da so nevodi o da so fioi distante, 



Tute le sere, sola in t'un canton, 

I nostri soldai morti la missiava 

Co quei todeschi in te le so orazion ! 



76 



LXX 



E la pensava a quele fregolete, 

A quei putei de un metro de statura 

Che spesso i ga frontà le bagionete 

De r Austria — e sempre senza aver paura — 



Coi cògoli e coi legni... A le busete, 
No, più no i zioga... de polenta dura 
In t' una man i tien un per de fete, 
Co st'altra i sbara... e che siaira sicura ! 



Care e inogente testoline bionde 
O more, da la morte butae zò 
Metendo in mostra i bei caveli a onde ! 



Mi digo ch'anca quei, che gara ancora 
In panza de so mare, — no gh' è no ! — 
La spissà i s'à sentìo de saltar fora! 



77 



LX.-X.Ì. 



E saveu de quel Stefani, un furlan 
Da Budoja, fioi mìi ?... Desfortunà !... 
Murer sul ponte, el se slontana a pian... 
Da la parte todesca, ecolo, el va. 



Eco... el se volta indrìo... pò, incerto el sta 
Se là fermarse o andar a san Zulian. 
I nostri mola un sandolo... i gh' è, za, 
Vissin e i te lo ferma in tei paltan. 



A la stazion porta: — L' è un traditori...— 

I ziga tuti inviparii — Copemolo !.. — 

Lu voi parlar... noi poi.., Jesus, che oror !... 



Drento in aqua el se tra... No i lo sparagna 
Lori ristesso e, zigando : — Neghemolo!— , 
Coi remi e coi baili i lo sacagna. 



78 



LXXII. 



Copà !... Ma U gera un inerente... E quante 
No glie n' àio passa... quante, Dìo mìo ! 
Un martire... un eroe^ minga un birbante, 
Cussi barbaramente el ga finìo ! 



Ah, Tomaseo bisogna aver sentìo 

Co lù ga dito a l'Assemblea^ tremante; 

— « Za un mese à socombesto un nostro fio, 

« Vitima de un'idea de le più sante. 



« E i Tà credesto un traditor !... 'Na mina 
« In cao del ponte el gera andà a impizzar 
« Per far dei s' ciàussi 'na carnefifina »... — 



Al roverso de ancuo che ai traditori 
E impieghi e bezzi i ghe xe pronti a dar 
Co un contorno de titoli e de onori !... 



79 



LXXIII . 



Radeschi e Haynau, che remi de galera ! 
El primo al so quartier ormai Tè andà, 
E sV altro a San Zulian più noi ghe gera, 
Ma d'Aspre, un fiol d' un can come quel là. 



La Iota sul piazzai sempre più fiera, 
Sempre più desastrosa la se fa ; 
E un fracasso infernal, de zorno e sera, 
Le case fa tremar de la 9ità. 



Ghe xe de le sortite... ma, mio Dìo, 
E baie e fame e còlara de nù 
E de le nostre trupe i fa desìo ! 



Epur se i ne gavesse dito suso : 

— Molèghe, vìa! — ve so dir mi che... ciù!.. 

Spiià ghe gavaressimo in tei muso! 



80 



LXXIV. 



De Agosto, ai ginque, T Assemblea se unisse 
E pan no glie xe più, né munizion ; 
E bum ! come sonar, za, se sentisse 
LVangonìa nostra a colpi de canon. 

Xe al so pósto Manin che in cuor Punisse 
Tuto el dolor de sta popolazion : 
Discute r Assemblea, la impalidisse.... 
E gnente ancora capitolazioii ! 



Ma quel btim el ve dise: — Rassegnève!... 
Ormai V è tempo de sbassar la cresta... 
Xe tuto quanto inutile... ^rendève ! — 



Pieni poteri, co xe in fin, ghe resta 

A Manin e lù solo, imaginève, 

Ga contraT Austria da tignirghe testa! 



81 



LXXV. 



Lù co un ocio sera, co sV altro Verto 
Sempre el dorme a la note e, nel preveder 
Tanta rovina, no podè mai creder 
El so martirio che '1 tien ben coverto. 



A sto popolo el pensa che soferto 
Ga tanto e tanto e che ghe toca ^eder: 
E V anema ghe sanguena nel veder 
Tanto eroismo butà vìa per ^erto. 



Più assae de un pare, tuto lù vedeva : 
E, in mezo a quela ràcola de guai, 
A tuto, zorno e note, el provedeva. 



— lugana me sarò^ ma mi inganai, 
Lo zuro inanzi a Dìo, no ve go mai ! — 
E, a ste parole, el popolo el pianzeva. 



82 



LXXVI. 



Tuto quanto ga un limite, fìoi mìi ! 
Anca el granito, a longo andar, a basso 
El mar lo buta, destrusendo i nìi 
Co tante strussie costruii nel sasso. 



Anca el più forte ròvare, anca el tasso, 
Che in te la eroda i pi ga sepelii, 
Testa i ghe tien ai venti, ai soli, al glasso... 
Pò i socombe dal fulmine colpii. 



Cussi Venezia, che per disissete 
Mesi co un fogo che no gh' è V ugual 
Ga tignuo fronte a tute le desdete, 



Tra le sgrinfe de V aquila alfìn, stanca 
E afamada, la casca : sul piazzai 
Se vede sventolar bandiera bianca ! 



83 



LXXVIL 



Me par adesso ! Co i ga Verto i passi, 
Da Mestre e da Campalto i à porta zò 
Proprio de tuto ; che magnae ! che sguassi ! 
Polastri rosti e dindie in squaquaciò. 



Xe vignui zoso a gentenera i bò, 
I ga impenìo de vin tuti i tinassi : 
Se go da dirve el vero, ve dirò, 
Baldoria in tei tuguri e in tei palassi. 



Baldoria!... ma del stomego soltanto, 
No baldoria del cuor, de quelo no, 
Perchè in tei oci ne nuava el pianto. 



Magnavimo, xe vero, a più no posso... 
Ma per sgionfarse, per nutrirse e pò 
Darghe ai croati assae più forte ados30, 



84 



LXXVIII. 



Tornada qua da nù quela genìa, 
Quanti dei nostri no xe stai 'siliai! 
Manin e Tomaseo, che gera stai 
Più assae dei nostri pari, cassai via! 



Casteli e Mazucheto, che desfai 
Per nù, co FAvesani, i se sarìa! 
E de quaranta — su disèlo, vìa ! 
Quanti de lori xeli qua tornai?... 



E i ga vivesto povari!... In stretezze 
Un Manin; per el mondo un Tomaseo, 
Deventà orbo, in mezo a le amarezze! 



Ah, proprio come tanti formigoni 
Che, sM ga dà per la so patria un scheo, 
I ga roba, pò, càreghe e milioni ! ! 



85 



LXXIX 



El Leon de Samarco — quel Leon, 
Che gaveva ruzà tanto lontan, 
Tremar fassendo le popolazion 
Movendoghe el scagoto a 'gni tiran^ — 

Salta su in pi, da vero venezian 
El se sente in tei sangue un simiton 
Da voler far de FAustria un sancassan 
Coi denti e co le sgrinfe. El pataton 



L' ongie el ghe voi tagìar ; ma, furbo !, lù 
Drento el le tien, pensando de 'giutarne 
Tirandole, un dì, fora ancora più 



Per darghe dò zatae, fioi mìi^ de quele... 
De quele là che porta vìa le carne 
E i ossi, se no basta via la pele ! # 



86 



L^vX-X., 



Benedeti quei là che, coi fusili 
E coi canoni, s' a batuo da forti : 
E ch^ oramai desmentegà ga i torti . 
Dei opressori e le angarìe dei vili ! 

Benedeti vualtri che sé morti 
Per sta ^ità, lassando qua pupili, 
Ma ma o muger e che dormì tranquili 
A San Micel o sparpagnaì nei forti ! 

Lù benedeto che, vissin Samarco, . 
El dorme, el nostro Ditator: oh q#tntò . 
Splendor, quanto calor soto queP arco ! 

Co xe la sera, a quela tomba soa 

Vago e prego e ghe digo a quel gran santo : 

— La xe, ferto, co Dìo T anema toa ! — 



Dello stesso autore: 



1. — Prime Poesie di Luigi Vianello — Edit. G. Longo — 1882. 

2. — Una Gemma delle lagune — Storia di Murano, con illustra- 

zioni e disegni — Edìt. Carlo Ferrari — 1891. 

3. — Il prof. Adolfo Pick e 1' Asilo Infantile « Principessa Maria 

Letizia > — discorso — Edit. C. Ferrari. 

4. — A G. Garibaldi, Ode (esaurito) — Edit. G. Longo 1882 

5. — A G. Favreto, Ode (esaurito) — Edit. C. Ferrari — 1887. 

6. — Esposizione Nazionaie Artistica di Veneziia, Ode — • Edit. 

G. Draghi — 1895. 

7. — A S. Francesco del Deserto, Ode, Natura ed Arte, Editore 

Vallardi. 

8. -- A Fridtjof Nansen, Ode — Edit. G. Draghi — 1898. 

9. — A Giacinto Gallina, Ode — Edit. Visentini. 

10. -- Nella sala Favretto, Ode — Edit. Vallardi — 1900. 

11. — A Luigi di Savoja, Ode, giudicata degna di speciale men- 

zione al concorso del Vascello — 1900. 

12. — Ad Umberto Caghi, Ode — giornale // Vascello, 

13. — In morte di G. Verdi, Ode — Stab. Scarabellin — 1901. 

14. — La Prima Pietra, Ode — Stab. G. Draghi — 1903. 

15. — Studii di Critica Letteraria ed Artistica e Varietà. 1. L'in- 

fanzia nella letteratura. — 2. L'infanzia nella poesia stra- 
niera, nelle ninne-nanne e negli scritti dei criminali. — 
3. Il « Guanto » in una Romania spagnuòla e in una Bal- 
lata di F. Schiller. — 4. Poesia dell' Autunno, pubblicati 
in Natura ed Arte del Vallardi, Milano. — 5. Gli amori 
di Wolfàngo Goethe, pubbl. neW Illustrazione Popolare 
dèi 1900: -^.6.' Goldoni e i suoi tempi, W. Goethe e le Ba- 
rufè Ciosote — Edit. G. Draghi, 1893. — 7. Relazione sul- 
l'Esposizione Vetraria di Murano, 1895. — 8. Lettere criti- 
che suir Esposizione Nazionale Artistica di Venezia, 1887 
e sull'Espos. Internaz. Art. del 1901 e 1903, pubblicate nel 
Bacchiglione e nel Veneto di Padova — La « Vilota » 
veneziana (a proposito di uno studio di Carlo Somborn) 
— ecc. ecc. 

16. -- Romanzi e Novelle — Hermann Malberg, Rebecca Moro- 

sini a Padova, Figurine veneziane. Nonna Regina, Tom, 
Il trabaccolo « La Pace », Come vero ecc. 



\